mercoledì, aprile 15, 2009

Io sì che sono fortunata

Io sono decisamente una persona fortuna e non tutti hanno questa fantastica fortuna...e sì, perchè dovete sapere che mia mamma sta "scrivendo" il "manuale della perfetta 40enne"......almeno a parole lo fa.
Tutto è iniziato una settimana fa, quando mi vide con la giacca allacciata in vita e mi sussurrò in un orecchio: le SIGNORE la giacca la tengono sulle spalle e non in vita.
Ahhhhhhhhhhhh...ma cos'è uno scherzo?
Vado retro satana!
Io signora e per qual motovo?
Lei mi guardò e mi disse:beh, hai o non hai 40 anni e allora adesso sei una signora e come tale ti devi comportare, il che vuol dire:
- niente giacche legate in vita ma tenute sulle spalle con molta disinvoltura...vuol dire che devo rinunciare al mio walls, compagno di mille avventure, per una giacca in tweed? Hummmmmmmmm non credo proprio. - pantaloni rigorosamente ASCELLARI. Vietati quelli a vita bassa o troppo giovanili (io ho sempre inveito contro i miei jeans a vita bassa ma non li cambierei per niente al mondo. Iniziare ad indossare qualche volta la gonna, come le vere signore, il che vorrebbe dire indossare le calze che io detesto con tutte le mie forze e che non uso neppure in inverno. I love gambletti e calze colorate, tnato che, quando ancora giovane ero, amavo andare in giro con i calzini spaiati, magari uno arancione e l'altro verde fosferescente...quelli sì che erano bei tempi. Poi, quando ero piccola ero convinta che gli abiti invecchiassero anche loro e che le gonne e le camicie si trasformassero in quegli orridi grembiuli, dai colori troppo scuri e dalle tasche troppo grandi, che vedevo sempre indossare a mia nonna e a mia zia....Pantaloni forever.
Avere nell'armadio un paio di pantaloni bianchi che fa tanto: mi ricordo quando...quando avevo 13 anni e un paio di pantaloni bianchi e arancio (te pareva) che amavo e che tutte le volte che mettevo riuscivo a sporcare con il gelato
- borsa decisamente più piccola e con dentro solo l'essenziale. Ma non fu Oscar Wilde a dire: toglietemi tutto ma non il superfluo? Poi, dopo, come potrei creare code kilomentriche alle casse dei supermercati rovistando nella mia mega borsa solo percè non trovo più il portafoglio? Come potrei stupire la cassiera della coop, tirando fuori dalla mia "tracollina" oltre al portafoglio, anche notes, libri e macchina fotografica? Potrei andare in giro con un trolley dal mucchio di cose che vorrei portare sempre con me...figuriamoci una "mini" borsa...
- ricordarsi di togliere la macchina fotografica dal mio collo e quindi non stare sempre a fotografare la vetrina del fornaio, la prima foglia verde del viale, quel nuovo cartello stradale, il gelato che mi è caduto di mano perchè cercavo di fare troppe cose in una sola volta....il sole che tramonta, la luna che si "sveglia" ?dopo chi ferma il tempo in una foto?
- Non saltare a piedi pari dentro alle pozzanghere e ricordarsi di prendere l'ombrello quando piove per poi dimenticarmelo ovunque vado?
Decisamente più divertente e poetico camminare sotto l'acqua, sentendo l'acqua gelata scivolare lungo la schiena e arrivare in ufficio bagnata più di un pulcino e sempre senza ammalarsi mai..avere i piedi bagnati e scoprire che anche Nicolò si è divertito un mondo a scoprire il "salto" nelle pozze
- Abbandonare carta e colla per il ricamo perchè quest'ultimo è decisamente più da signora
e per ultimo: ricordarsi di andare sempre in giro con un odioso fazzoletto al collo per evitare di prendere colpi d'aria perchè ad una certa età si è decisamente più predisposti al mal di gola e alla cervicalgia...e smettere di prendersela con il Genoa per i tre goals dati alla Juve! Uffa . Uffissima!!

Mamma, grazie mille dei consigli ma...spero di tutto cuore che tu non arrivi mai a scrivere il tuo manuale della perfetta 40enne e poi...io avrò anche 40 anni, all'anagrafe ma, onestamente, credo di poter continuare a fare cavolate con le amiche, ridendo fino alle lacrime per un profiterol taglia XL o piangere insieme a loro. Posso continuare a saltare nelle pozze e a prendere anche le sgridate dalle altre mamme perchè i bimbi sono tutti bagnati, posso continuare a fare la molesta durante certe riunioni, perchè ci vuole sempre il bastian contrario, posso continuare ad essere la Mafalda della situazione che brontola per qualsiasi cosa non le vada bene e, volendo, lo mette persino per iscritto, perchè vedi mamma allo spirito non si comandaaaaaaaaaaaaaaaaa ed è lo spirito quel che conta...lo diceva persino la nonna!

Buon mercoledì


Mely

7 commenti:

Claudia ha detto...

mi è piaciuto tantissimo il tuo scritto... e dall'alto dei miei 57 (quasi 58) anni posso dirti che penso tu abbia assolutamente ragione. Mia mamma è mancata due anni fa a 82 anni, ma due giorni prima siamo uscite insieme e lei indossava un tailleur di jeans, con giacca infilata normalmente, anche se devo ammettere che i pantaloni non erano a vita bassa...

Lisanna ha detto...

mi ha fatto morire dal ridere questo post...
sii te stessa che sei troppo forte... mi piacerebbe tantissimoincontrarti di persona.. ci sarai al meeting nazionale ASI? spero tanto di si...

Marevan ha detto...

Mely, come ti capisco !!! Sono davvero tua cugina perche' la penso tale e quale a te: viva le giacche legate in vita (anche a quasi 50 anni!!), viva i pantoloni con sotto i gambaletti, viva uscire senza ombrello !!! Viva girare con la macchina fotografica in borsa!!

Anonimo ha detto...

Mi mancavano i tuoi racconti
Sei mitica!!!!!!!!!
Paola P

MOMMI ha detto...

...ma come.....COME non darti ragione :)?
e poi...ci prenderebbero ancora più per pazze davanti al profiterol taglia XL con la giacca di gabardine appoggiata lievemente sulle spalle :) !!!!!!!!!!!!!!!!!!MEGLIO NON RISCHIARE :)
m.

Paola ha detto...

ok... di anni ne faccio 44, quindi come sai ODIO pensare che ci siano appuntamenti anagrafici che ti obbligano a indossare o vestire in un certo modo.. e sai pure che il profiterol taglia XL è ancora perfettamente nelle mie corde.... però devo dire che che a volte vedi in giro certi spettacoli (che non sono certo dati dalla giacca annodata in vita) ... che ti ricordano che a 40 e più.. certe cose non puoi proprio più permettertele! D'altronde ci vuole così poco a valorizzarsi ad ogni età!!

Comunque vorrei conoscere la tua mamma... e mandarla a fare un bel viaggio con la mia!!
(a proposito.. la mia l'altro giorno mi ha praticamente buttato un paio di stivali texani a punta dicendo che non usano più... come vedi tu hai la mamma "galateo", io la mamma "trandsetter"!)

Serena ha detto...

Cara Mely..se tua mamma e la mia volessero scrivere il manuale a 4 mani potrebbero farlo tranquillamente...perchè hanno le stesse idee...Mia madre me lo ricorda ogni volta che...bè, che non sono vestita come dovrei per "la mia età"?!??E mai un complimento! Solo "guarda che pantaloni, guarda che capelli, ma perchè non vai a comprarti qualcosa nel negozio dove vado io"? Dico, ma scherziamo? Forse quando avrò 70 anni...ci penserò...non ora!